e sono queste le sere in cui mi assale quella malinconia che sa di pioggia e terra bagnata…
quella malinconia buona, che ti fa sentire bene.. che ti mette in contatto con la parte più profonda di te stesso…
che mi fa sentire la tua mancanza… si accidenti mi fa sentire che tu manchi, chiunque tu sia manchi a me come pioggia al deserto, come una terra ad un naufrago..

manchi quando piove, quando il tempo non è bello tu manchi,
manchi di sera quando vado a dormire e fuori si sentono solo tuoni e la pioggia picchia forte sui tetti…

ed allora mi assale quella malinconia speciale, come speciale sei tu..
ma io ancora non ti conosco, non so di che colore sono i tuoi occhi, ma so che saranno profondissimi, avrai un sorriso dolce e luminoso, la tua mente sarà cristallina e sempre in movimento, i tuoi occhi avranno il colore del mare e del cielo, il colore dei campi di primavera e dei cieli stellati dell’estate..
le tue labbra perfette saranno il posto migliore dove potersi addormentare la sera, rosse come ciliegie e calde come il sole di agosto mi daranno conforto nelle sere d’inverno..
la tua pelle abbronzata è vellutata e profuma di rose, mi abbracci come un cucciolo che desidera affetto… da dare e da ricevere..
mi sorridi, sempre, non manca mai un sorriso sulle tue labbra, per me, solo per me..

e nonostante questo la malinconia arriva, puntuale, come tutte le sere delle prime piogge..
come un rito purificatore di fine estate arrivano le piogge, calde e lunghe una notte intera scendono giù dal cielo e noi stiamo abbracciati nel nostro letto, senza lasciarci, rassicurandoci che i tuoni passeranno presto…

e piano piano tu ti addormenti, il tuo respiro caldo sul mio viso le tue lunghe ciglia che si muovono delicatamente, le tue labbra così vicine alle mie che sarebbe un peccato non baciare…

ti addormenti, tra le mie braccia, e ti stringo forte in questa prima notte di pioggia, in questa prima notte di malinconia non ti lascio andare per ternerti accanto a me…

Annunci