alle volte vorrei vivere in un’altra epoca, negli anni dove il mondo era ancora in bianco e nero finchè qualche pazzo non inventò la fotografia a colori e tutto si ricoprì di sfumature dell’arcobaleno.
e invece no, vivo talmente immerso nei colori e nei suoni che producono che vorrei tornare nel mondo del bianco e nero.
dove una tazzina di caffè è talmente bianca che ti acceca ed il liquido contenuto è come l’abisso che ti attira giù nel suo cuore nero e forte.
dove la musica ha bassi così neri e alti così bianchi da farti vibrare il cuore ed il sangue nelle vene.
e mentre ascolti la musica jazz le tue dita accarezzano la sua pelle chiara, talmente bianca da sembrare trasparente tanto da vedervi battere le vene.
e i tasti del pianoforte, bianco e nero che si alternano, ti trasportano in un mondo di sensazioni profonde.
bianco e nero, nero e bianco e migliaia di sfumature di grigio…
le rose che le compri per il primo appuntamento sono bianche come il latte, come perle rare i suoi denti quando ti sorride.
è tutta luce e ombre profonde che ti fanno capire quanto sia profonda e piena la sua anima.
ma il problema è scoprire quanto tu possa andare a fondo; prima di annegare.. prima che sia troppo tardi fare ritorno..
le pagine dei libri brillano alla luce del sole.. le parole acquistano forza con il loro colore nero che sembra inciso da un abile cesellatore…

bianco e nero… per un giorno vorrei vivere, con te, nel mio mondo in bianco e nero..

Annunci