Tag

, , , , , , ,

017

cicatrici. rimangono sulla pelle e ricordano il passato. mi sono sempre piaciute.
non so perchè ho messo questa foto in questo post. e non so nemmeno che titolo mettere al post.

però oggi mentre tornavo a casa dal lavoro dopo 11 ore di lavoro mi sentivo veramente distrutto. non tanto stanco, ma proprio sfinito dentro.

in qualche modo svuotato.
e ultimamente mi arrabbio quando sono così.
odio sentirmi svuotato. senza forze e motivazioni.

e poi mi sono detto che posso permettere a nessuno di farmi sentire così; sono più forte di quello che sembro.
sono più forte delle mie braccia magre e delle mie osse spigolose.
sono più forte dei muscoli che non ho.
degli addominali che non ci sono.

e così mi ripetuto che sono forte dentro. io posso essere una roccia fermo nel vento.
forse un po’ melodramattico.

ma ci sono persone che forse contano su di me. e mi accorgo che non posso farmi vedere “debole”.
devo solo resistere ancora un poco e poi arriveranno le agognate ferie.
potrò finalmente tirare il fiato, rilassarmi come desidero.
fare quello che più desidero.

per il resto non c’è mastercard. ma ci sono gli amici che mi stanno vicino.

e ci sono quelle cicatrici che mi fanno ricordare che sono andato oltre. sono andato avanti ricordandomi di quello che ho passato e superato.

perchè sono forte. e posso fare quello che voglio.

Annunci