Tag

, , , , , , , , , , , , ,

 

 

è sera, ho finito di cenare e sto bevendo una birra, da solo a casa.
è cominciato luglio da qualche giorno, che fatica i giorni in questo ultimo mese; l’ho già scritto nel post precedente, ma è stato davvero duro emozionalmente parlando e ha lasciato uno strascico ancora pesante.

ma ok. sono vivo.

una bimba piange, forse fa i capricci… ah la meraviglia delle sere d’estate con le finestre aperte: zanzare, cani che abbaiano, allarmi che suonano a ore assurde, i camion della spazzatura che portano il loro prezioso tesoro nel compattatore e i bimbi che piangono.

che volevo dire? non lo so. era un po’ che non scrivevo e mi è venuta voglia di farlo stasera.

ah e oggi ho scoperto essere la giornata mondiale del bacio. fuck.

passiamo ad altro. vi ricordate il libro scritto? ecco l’ho pure stampato, a breve la destinataria (ignara) lo riceverà… a un prossimo post per scoprire come sarà stata la reazione…

passiamo ancora a un’altra cosa. mio padre è stato operato, gli hanno sostituito la valvola aortica. un’operazione di routine, niente di urgente a breve termine. gli hanno messo un a valvola biologica, di maiale credo, ora sta bene e lunedì inizierà la fisioterapia.
ok. andata.

tra circa 10 giorni sarò in ferie, non farò niente di che se non andare a la mare a svaccarmi e fare foto in giro magari.

ho bisogno di staccare dal lavoro. comincia a diventare pesante e i clienti che dovrebbero rendermi la vita più divertente con i loro strafalcioni, la rendono solo più penosa e fastidiosa.

mugugno mode/on: giusto per lamentarmi anche con chi mi legge nelle ultime 8 settimane ho fatto 8 giorni di festa (giorno libero n.d.r.) e 11 mattine e il resto, 38 giorni, ho fatto pomeriggio e/o chiusure. mi sono scassato il belino. mugugno mode/off.

e ora per tirarsi su e far scendere le lacrime guardatevi questo.

 

mi ringrazierete, lo so. oppure sarete troppo prese/i a piangere e non potrete insultarmi perchè non riuscirete a mettere a fuoco la tastiera come succede a me ogni tanto.

comunque altro da dire? vorrei dedicare un pensiero a D. lo so che non mi leggi più, e lo capisco anche. nemmeno io mi leggerei se non vivessi con me 24 ore su 24 da oltre 44 anni.

mi manca la tua voce, il tuo accento. non mi basta sentire un messaggio vocale ogni tanto, quindi prima (presto) ti chiamerò e tu mi insulterai a modo tuo. ma mi piace anche quello di te. e so che il tempo passa e le cose cambiano, ma le abitudine prese sono sempre difficili da mettere da parte.
mi mancano i messaggi, le telefonate, sapere che da qualche parte, lontano, c’è una persona che ogni tanto pensa a me.

ma lo so che, ogni tanto, mi pensi. anch’io lo faccio con te.

tornando alle cose serie… non ne ho. sto continuando a bere la mia birra fredda e tra poco mi scasso il gelato multigusto che ho preso alla Lidl oggi pomeriggio. ho fatto il bravo e quindi me lo merito.

detto questo vi auguro buona serata e guardate un bel film. di quelli che fanno stare bene. date un bacio alla persona che amate e stringetela forte. ve ne sarà grata e anche voi starete meglio.

buona serata a tutti.

 

Annunci