Tag

, , , , , ,

sono a letto, ho sonno e ho voglia di dormire. ma Penny mi annusa e mi fa il solletico… e poi ha il vizio di appiccicarsi quando fa caldo.
ma si può?

a parte questo ci sono notti in cui arrivano quelle paure che di giorno non provi.
perché di giorno siamo circondati dalla gente, dagli amici, nel mio caso da un sacco di clienti… che non è la gente comune, no, sono una categoria a se stante.

e poi non c’entra nulla, ma stanno facendo dei lavori da qualche parte fuori con il martello pneumatico, molto probabilmente in autostrada, così evitano sì il traffico, ma spaccano altamente il belino.

comunque in notti come queste le paure si avvicinano e ti accorgi che stare soli non è così fico e avvincente.
che io non l’ho mai detto.
certo non mi trovo male con me stesso, ma ci sono momenti in cui vorresti scrivere a qualcuno che non c’è, che ancora non c’è ti dice qualcuno, che prima o poi arriverà.
perché tutti dobbiamo avere la possibilità di essere felici, tutti ci meritiamo la persona giusta al momento giusto.
é che, in notti come questa, le cose non sembrano così perfette e giuste.
ma viene fuori tutto quel malumore e quel pessimismo cosmico che Leopardi levate proprio… a parte gli scherzi secondo D’Avenia il buon Giacomo non era così pessimista.
In notti come queste senti la pesantezza della vita che ti sei costruito e arrivi a un certo punto che non la reggi più e vorresti fuggire lontano.
in un bel posto, in buona compagnia.

e allora inganni il tempo cercando una casa a Lisbona per fine settembre, pensi già alle ferie di prossimo anno, a quanto ti piacerebbe andare in Islanda a vedere i vulcani, i geyser e l’aurora boreale.
che la compagnia che cerchi non è quella degli amici, dei buoni e amici che hai.
hai bisogno di qualcuno che ti sia a sentire per tutta la notte, che faccia l’alba con te accogliendo le tue paure e aiutandoti ad allontanarle.
che non ti giudichi e che ti sappia guardare dentro come poche persone hanno fatto nella tua vita.

forse sono davvero poche le persone che hanno saputo guardarmi davvero dentro, quelle a cui ho permesso di farlo.
ed è a quelle persone che va il mio pensiero mentre sto per addormentarmi con le mie paure affianco.
e spero che il pensiero stasera non arrivi a loro che non voglio disturbarle.

mi mancano le chiacchierate, i messaggi fino a tardi, le telefonate senza preavviso.
ah, alla abitudini ci affezioniamo subito, con trasporto. poi le cose cambiano e ci dobbiamo adattare, ma qualcosa manca, qualcosa ci fa stare un poco male e mi fa sentire più solo.

e adesso direi che basta così, che è un post fin troppo pessimista e sarà il caso di spegnere le luci e dormire…

come vorrei fare come Penny, niente pensieri e il cuore leggero.

buonanotte a tutti.

Annunci