Tag

, , , , , , , , , ,

Contiene i segreti dell’acqua licantropica”

Non potevo lasciarmi sfuggire un libro con un titolo simile e con un “avviso” così invitante.
Come diventare un lupo mannaro” è un compendio di episodi, narrati con dovizia di particolari, di come i Lupi Mannari prendono vita in tutto il mondo, con una predilezione per il vecchio continente.
L’autore, Elliott O’Donnell, Irlandese nato nel 1872 ci propone una serie di racconti e, come riporta la postfazione: “Come diventare un lupo mannaro è sicuramente un buon manuale su come si costruisce un racconto dell’orrore, che (forse libri come Twilight e simili lo stanno facendo dimenticare) è un genere popolare, proletario e, in fin dei conti, ottimista.”

Non mancano formule magiche, che sono vere e proprie invocazioni a spiriti maligni, creature soprannaturali, che possono permettere all’aspirante licantropo di poter acquisire questi poteri. Così come, ho scoperto con vero interesse, esistono fiori e ruscelli che permettono la trasformazione in questo essere dalle sembianze di lupo.

Il libro, come dicevo, è una raccolta di racconti popolari scritti bene e senza essere un capolavoro ti tiene comunque attaccato alle sue pagine.
I casi di licantropia sono tutti descritti e i personaggi hanno nomi e cognomi, una storia alle spalle e sono in alcuni casi anche a lieto fine

O’Donnell fa una disamina sui vari casi e sulle differenze che esistono nei lupi mannari a seconda della zona del mondo in cui ci troviamo.
Si va da Orissa, in India, dove invece del lupo troviamo la tigre.
Anche se in questo caso l’autore tiene a precisare che le metamorfosi sono differenti, in quanto la licantropia dell’uomo-tigre vi è la presenza di una divinità che sottoforma di tigre è responsabile della trasformazione.

Fino ad arrivare alla vasta Russia, con le lande desolate e ricche di stranezze immaginabili.

E’ un vero manuale che ci conduce attraverso paesi e foreste oscure dove si possono incontrare creature malvagie assetate del sangue e della carne umana.
La trasformazione avviene quindi in modi differenti: magia nera, bere da un ruscello dai suoni sinistri e dallo strano luccichio, indossare un fiore raccolto in una zona buia e paludosa, invocazione tramite rituali magici o anche ereditarietà.

Spesso anche per vendicarsi come nel caso dei bersekir d’Islanda.

Se siete interessati al tema lo consiglio davvero, è una buona lettura per le sere d’inverno davanti a un caminetto mentre fuori imperversa una bufera di neve e qualcuno bussa non troppo delicatamente alla vostra porta…

Bevanda consigliata? meglio non acqua di fonte, non si sa mai. Magari un caffè, forte e nero per tenersi svegli e non farsi cogliere impreparati.

 

cof

Annunci