Tag

, , , , , , , , , , ,

E’ pomeriggio inoltrato, sono sdraiato a letto a guardare il soffitto, tu sei uscita per andare a trovare tua nonna giusto dopo pranzo.
– ci metto poco amore mio –
Ma lo sappiamo entrambi che quel poco, qua in Sicilia, ha un tempo tutto suo, il tempo si dilata, si allunga e in un attimo si fa sera.
Ma non sono preoccupato, sei qua vicina, a qualche centinaia di metri in linea d’aria, se mi sporgo dal terrazzo posso quasi vedere la sua casa.

Forse mi addormento, ma si sta così bene sul letto, senza fare nulla.
La brezza sale dal mare e gonfia le tende come quelle di una nave che si allontana dalla costa, i gabbiani e le cicale riempiono i silenzi della casa.

C’è fresco sulle lenzuola appena cambiate che sanno di sole e mare.
Prendo tutto lo spazio, cosa che non posso fare quando ci sei anche tu.
Mi manchi.

Mi manca la tua presenza e tengo gli occhi chiusi e cerco di immaginarti che arrivi in casa piano piano.
O cianu cianu, come direbbe tua nonna.

Mi addormento.
Sogno i tuoi capelli neri che fanno contrasto con la tua pelle bianca, il tuo profumo di limoni, che mi ricorda l’estate.
Mi ricorda quando spremiamo i limoni a mani nude e non ci importa di schizzarci i vestiti e il viso.

Ti sogno talmente forte che mi sembra di soffocare sapendo che non ci sei.
E la brezza gonfia ancora di più le tende.
Mi sembra quasi che una voce mi chiami dal mare, un canto di sirena.

Cu ti lu dissi ca t’haju a lassari
megliu la morti e no chistu duluri
– una voce lontana canta senza musica se non quella del mare e del vento.
ahj ahj ahj ahj moru moru moru moru
ciatu di lu me cori l’amuri miu si tu
– apro gli occhi lentamente e riconosco la tua voce che arriva dal giardino.
ahj ahj ahj ahj moru moru moru moru
ciatu di lu me cori l’amuri miu si tu

Ti immagino camminare tra gli ulivi e i limoni, sfiorando i tronchi e i rami carichi di frutti e foglie verdi che nel sole del pomeriggio diventano oro e argento.

Cu ti lu dissi a tia nicuzza
lu cori mi scricchia a picca a picca a picca a picca
ahj ahj ahj ahj moru moru moru moru
– adoro la tua voce, bassa e intonata che si perde con il muoversi del vento, ma cerco di seguirla chiudendo gli occhi e immaginandomi seduto in giardino a guardarti danzare con leggezza e delicatezza, con gli occhi dorati e il sorriso luminoso.

ciatu di lu me cori l’amuri miu si tu
ahj ahj ahj ahj moru moru moru moru
ciatu di lu me cori l’amuri miu si tu
– il tuo canto è lento e delicato, si perde tra le fronde e l’erba del giardino, risale lungo i rami e viene portato lontano dal vento.

Sorrido.

Lu primu amuri lu fici cu tia
e tu schifusa ti stai scurdannu a mia
paci facemo oh nicaredda mia

Sorrido e penso a quanto sono fortunato ad amarti e a essere amato così tanto.

– ciatu di l’arma mia (l’amuri miu si tu)
paci facemo oh nicaredda mia
ciatu di l’arma mia (l’amuri miu si tu) –

Mi tiro su piano.

la la la la la la
la la la la la la…

Immagino la tua lingua sul palato che sbatte sui denti di sotto.
E mentre lo fai sorridi.
Mi avvicino alla finestra scostando le tende e ti cerco nel giardino.

Mi guardi da sotto, appoggiata al tronco di un ulivo con le mani dietro la schiena e il sorriso di una bimba di cinque anni.
Indossi un bel vestito nero, ti sta benissimo.
Ti guardo e abbassi gli occhi arrossendo leggermente.
Mi fai stare bene.

– bravissima amore mio –
– grazie – rispondi alzando lo sguardo.
– che dice la canzone? – domando curioso.

– si intitola: Chi te l’ha detto – rispondi – e dice così:

Chi te l’ha detto che ti devo lasciare,
meglio la morte e no questo dolore.
Ahi, ahi, ahi, muoio, muoio, muoio, muoio,
fiato del mio cuore, l’amore mio sei tu.
Ahi, ahi, ahi, muoio, muoio, muoio, muoio,
fiato del mio cuore, l’amore mio sei tu.

Chi te l’ha detto a te, piccolina,
il cuore mio si lacera a poco a poco a poco.
Ahi, ahi, ahi, muoio, muoio, muoio, muoio,
fiato del mio cuore, l’amore mio sei tu.
Ahi, ahi, ahi, muoio, muoio, muoio, muoio,
fiato del mio cuore, l’amore mio sei tu.

Il primo amore l’ho fatto con te,
e tu ingrata ti sei scordata di me.
Pace facciamo, oh piccolina mia,
fiato dell’anima mia, l’amore mio sei tu.
Pace facciamo, oh piccolina mia,
fiato dell’anima mia, l’amore mio sei tu.

La la la la la la
la la la la la la… –

– è bellissima e la tua voce è splendida… –
– grazie amore mio –