Tag

, , , , , , , , , ,

Stasera mi ricordo dei primi mesi passati assieme.
Tu stai già dormendo accanto a me, hai avuto una giornata pesante al lavoro e domani ti alzerai presto come tutte le mattine.

Ti guardo nella penombra della camera, il tuo viso è rilassato, stai dormendo profondamente e il respiro è pesante, lungo e conciliante; fatico a tenere gli occhi aperti.
Ripenso alle prime notti che dormivi da me, nel mio letto da una piazza e mezza.
Che ridere.
Stavamo stretti e spesso ci toglievamo le coperte, di solito quello ad avere la peggio ero io.
Mi piaceva avere te accanto a me, nel letto.
Mi faceva sentire sicuro quando mi svegliavo e trovavo te, con il tuo corpo addormentato, a stretto contatto con il mio.
Era, ed è tutt’ora, una sensazione meravigliosa.
Che non ha prezzo.

Ricordo quei momenti, subito dopo aver fatto l’amore, nei quali stavamo attaccati l’uno all’altro, testa contro testa, tenendoci per mano, come a non farci scappare.
Ridevamo della nostra gioventù.
Ridevamo del nostro amore.
Ridevamo della nostra passione.

E la cosa bella è che facciamo ancora adesso tutte queste cose.
Con lo stesso identico ardore.

E mi sento così vivo a stare con te.
Ci siamo incontrati in un momento molto particolare per ognuno.
Il momento più giusto per innamorarsi.
È stato tutto così perfetto che quando ci penso mi gira la testa e mi commuovo.

Sorrido accarezzandoti piano i capelli neri ribelli, non ti voglio svegliare.
Poggio il libro sul comodino e mi giro a guardarti.
Non posso fare a meno di amarti.
Davvero.
Amo tutto di te.
Dalla testa ai piedi.
Tutto ciò che è fisico e mentale.
Hai scardinato la mia vita.
Mi hai sorpreso con la tua tenacia e sensibilità, con la tua pazienza e con la tua passione, con la tua sensualità e la tua dualità (*).

Tu sei il mio giorno e la mia notte.
Sei la mia casa, il mio porto sicuro, ma sei anche quella che mi prende e mi trascina via e mi fa fare follie.
Mi hai dato tutto il tuo amore e hai preso tutto il mio.
Ci siamo dati così tante cose che parte di me è in te e parte di te è in me.
Mi fai ridere e mi fai piangere come mai mi era successo prima.

Sei capace di dirmi ti amo in mille modi differenti.
Guardandomi negli occhi.
Mordendoti un labbro.
Stringendomi la mano o il braccio all’improvviso.
Quando mi mandi un messaggio con un articolo interessante o una tua foto con un’espressione buffa o sexy.
Mi ami quando nel sonno intrecci i tuoi piedi con i miei.
Quando mi abbracci da dietro mentre sto lavando i piatti o quando mi prendi in giro perché mi commuovo guardando un film o una serie TV.
Mi ami quando mi leggi un articolo che ti ha colpito o quando ti infervori e mi strizzi le dita.
Mi ami quando mi stringi il collo mentre mi baci, mentre facciamo l’amore o mentre guido.
Mi ami quando mi fai ascoltare una canzone trash o mi declami versi in greco.

Mi ami sempre.
Ami i miei spigoli.
Le mie ossa sporgenti.
Il profumo della mia pelle.
I miei peli fuoriposto.
Il profumo che ho qua, tra collo e clavicola che ti ricorda quando facevamo l’amore a casa mia.

E io?
Io ti amo altrettanto.
Amo ogni singola curva del tuo corpo armonioso, tu sei perfetta per me. Ai miei occhi non hai difetto alcuno, se non quello di non averti conosciuta prima.
Ma è stato giusto così.
Amo il tuo profumo, il tuo sapore, le tue lacrime come mare e la tua saliva come miele.
Amo come i miei spigoli si incastrino perfettamente con le tue curve.
Adoro fare l’amore con te.
Adoro le tue smagliature.
Adoro la tua pelle liscia e bianca sotto cui vedo le vene dove scorre il tuo sangue caldo.
Sangue rosso vivo.

Amo sentirmi avvolgere da te.
Amo stare seduto a guardare il mare.
Amo parlare di tutto, perché di tutto mi hai fatto innamorare.
Della curiosità, soprattutto.
Che muove tutto.

Mi sto commuovendo.
Le lacrime arrivano senza un motivo ben preciso, ma ormai ho imparato a non preoccuparmene e a non vergognarmene.
Fanculo il patriarcato.
Io se voglio piangere lo faccio.

Fermo un attimo la giostra dei ricordi, ti guardo che ti muovi per qualche sogno.
Spengo la luce e ti bacio piano gli occhi e le labbra.
Rispondi al bacio impercettibilmente.
Sorrido.
Ti amo.

(*) ascoltate questa canzone, lei è lì.

https://youtu.be/oHoPj1wly3o