Tag

, , , , , , , , , ,

Nel caminetto la legna continua ad ardere, da sopra sentiamo lo scoppiettio dei pezzi di legno intrisi di resina.
C’è un buon profumo di abete in casa, si mischia con le bucce dei mandarini che abbiamo mangiato dopo cena.
Lo abbiamo ancora sulle dita, sotto le unghie.
– fa Natale – mi hai detto questa mattina quando eravamo al mercato.
Il fruttivendolo ti ha porto un frutto, lo hai sbucciato con le tue unghie dallo smalto seccato, che amo.
Mi hai guardato con gli occhi pieni di meraviglia.
– è Natale – mi hai detto porgendomene una metà.
Ho assaporato l’aroma inconfondibile del mandarino e ne ho assaggiato uno spicchio: era dolcissimo.
– è davvero già Natale –
Ne abbiamo comprato un chilo e mentre giravamo tra i banchi per prendere carne e formaggio ne sbucciavamo uno dietro l’altro.

Adesso tu stai accanto a me, stai leggendo un libro mentre io ti guardo.
– che c’è? –
– mi piaci –
– ah sì? e quanto? –
– come da qua al mare e oltre, fino all’altro mare –
Mi pari un po’ scettica, ma sorridi.

Poggi il libro sul comodino e ti annusi le dita, sei davvero felice.
Una bimba contenta.

– sa tutto di Natale qua – dici guardandoti in giro – la legna nel caminetto, i mandarini, il legno delle pareti, i maglioni pesanti e colorati, il rumore della neve che cade sul tetto, quello che facciamo noi quando camminiamo sui prati innevati, il silenzio che c’è tutto intorno che ti fa credere di essere in un luogo di magia –
Ti giri a guardarmi, hai gli occhi lucidi.
– hei –
– sto bene, solo un bruscolino nell’occhio – sorridi dandomi un bacio che mi toglie il fiato.
– oh – faccio quando le nostre labbra si staccano.
– grazie – mi dici accarezzandomi il viso e appoggiando la testa alla mia spalla sinistra.
– per cosa? –
– per tutto questo, per questo paese meraviglioso e incantato, per questa piccola casa accogliente, c’è il tuo cuore qua dentro, c’è il tuo spirito, con così tante foto tue appese –
Ti bacio la fronte e ti stringo a me.
– sto bene quando sono con te, e quassù, anche se non c’è il mare, tutto si amplifica –
– è vero, qua le cose si sentono meglio, sarà l’aria più tersa, il contatto con la natura, ma davvero qua se ti dico che ti amo è ancora più forte, come quando siamo al mare –
– al mare di più – precisi.
– assolutamente –

Mi baci il petto, accarezzi con le dita il tatuaggio della mia costellazione, che è anche la tua, che ho fatto sotto la clavicola sinistra.
– mi piace il tuo corpo tatuato – mi dici baciandomi.
– anche il tuo corpo mi piace –

Sorridiamo.
Spegnamo le abatjour e lasciamo che la luna ci illumini, è quasi piena e fa capolino tra le nuvole tra una nevicata e l’altra.
– che meraviglia amore mio – mi dici guardando la lama di luce bianca che bagna il nostro letto.
– davvero –
– grazie anche per questo… –
– sono bravo a preparare le giuste scenografie –
– molto… – poi ti spogli – io come sono? –
– più bella di tutto quello che ci circonda –
– adulatore –

Ci baciamo e stanotte facciamo l’amore piano, quasi in silenzio per sentire il silenzio della neve e il crepitio leggero della legna nel caminetto.
E il profumo del Natale tutto intorno a noi.